Come si preparano i colori del Tadelakt

Come si preparano i colori del Tadelakt? Innanzitutto è importante sapere che in questa tecnica si utilizzano terre naturali, ossidi o colori resistenti alla calce: aggiungendoli all’impasto di base del tadelakt è possibile ricavare una vasta gamma di colorazioni diverse dalla sua originale tonalità beige.

Per la decorazione a calce i colori si possono preparare seguendo tre metodi diversi:

 

1° metodo: Aggiungere le terre naturali alla calce a secco e mescolare

É la soluzione più consigliata per praticità, preparare grandi quantità di materiale e avere sempre la costanza del colore.

Per prepararlo e fare la campionatura occorrono:

  • Una bilancia elettronica che pesi almeno al grammo
  • Un recipiente ermetico  abbastanza grande per scuotere bene la calce con il colore

Bisogna inoltre tenere presente che la tinta di partenza non è un bianco, ma il colore naturale della pietra: un grigio chiaro tendente al beige. Molto spesso si sceglie questa tonalità naturale senza aggiungere alcun colore alla superficie, perché è molto bella al naturale.

colori tadelakt

Passaggi:

  1. Pesare bene la calce e i barattoli dei colori singolarmente prima di iniziare. Aggiungere alla calce tutti i pigmenti scelti e mescolare bene agitando il contenitore. Non c’è limite ai colori utilizzabili. Esempio: per colorare 1 kg di calce di un giallo tendente al rosso usare terra gialla e rossa.
  2. Continuare ad aggiungere i colori poco a poco, fino ad ottenere la tonalità desiderata.
  3. Una volta che questa quantità viene raggiunta, pesare i barattoli e calcolare la differenza dal peso iniziale per ottenere le quantità di colore utilizzate per ogni kg di calce.
  4. Calcolare la dose di colore necessaria in base alla quantità totale della calce.

 

 

Il vantaggio di campionare i colori

Colori tadelakt

Il vantaggio di campionare i colori (come mostrato nella foto) è la possibilità di preparare la miscela quantificando esattamente le dosi di ciascun materiale e prepararla in anticipo risparmiando tempo.

Inoltre si può verificare subito quale sarà l’effetto finale della tinta scelta: quando il colore è bagnato si scurisce, ma preparandolo da asciutto si può avere un’idea precisa del risultato. Occorre comunque considerare che, una volta applicato il sapone e passata la cera, il colore si tonalizza leggermente.

Una volta che si ha l’esatta quantità di colore per kg di calce si possono preparare anche grosse quantità di calce colorate riproducendo fedelmente il colore.

Questo sistema è molto fedele con le terre naturali ma non altrettanto bene con tutti gli ossidi, perchè strutturalmente sono più fini e tendono a  disperdirsi di più con l’acqua.

Per lavori di grosse entità  è sempre consigliato fare un campione impastando e applicando il materiale su un piccolo pannello e sottoporlo al benestare del cliente prima di effettuare il lavoro.

Un altro vantaggio è poterlo riprodurre fedelmente, conoscendo l’esatta quantità di colore necessaria (in caso di esaurimento scorte).

NB: tante persone pesano il barattolo con il tappo, ma è una cosa da evitare o al limite da annotare, per evitare di confondersi nel calcolare la differenza di peso (i tappi possono pesare anche 100 g).

NB: il colore non deve superare il 7 % della calce, perché diminuirebbe le prestazioni del materiale: più se ne aggiunge più queste diminuiscono. La quantità ottimale per colori più intensi è intorno al 5%. Se si supera questa dose senza ottenere l’effetto voluto conviene utilizzare gli ossidi di ferro per ottenere tinte più intense.

 

2° Metodo: Sciogliere i pigmenti in acqua e aggiungere alla malta

Passaggi:

  1. Prendere la calce già impastata.
  2. Sciogliere i colori nell’acqua (possibilmente seguendo il metodo di pesatura indicato in precedenza), annotando la quantità in peso dell’acqua che si utilizza.
  3. Aggiungere il colore all’impasto di malta e mescolare.

Lo SVANTAGGIO di questo metodo è che non si può verificare la colorazione finché il materiale non asciuga. Per velocizzare si può usare un asciugacapelli o esporlo all’aria. Considerare che anche in questo caso il colore finale si intensifica leggermente con la cera e il sapone nero.colori tadelakt

 

3° Metodo: Aggiungere il colore direttamente all’impasto.

Passaggi:

  1. Pesare 1,6 kg di calce impastata per ogni kg di calce in polvere (calcolare i 600 g di acqua dell’impasto) in modo da conoscere le dosi precise. Il rapporto tra calce e acqua può variare a seconda del potere assorbente della calce.
  2. Aggiungere i colori in polvere, utilizzando il metodo di pesatura precedentemente indicato.

Questo procedimento è il più veloce dei tre, ma si consiglia di utilizzarlo per le piccole quantità di materiale che non sarà necessario riprodurre in futuro. E’ molto utilizzato anche da chi vuole improvvisare il colore.

Mescolare accuratamente per evitare grumi di colore non sciolto.

Colori tadelakt

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *